Ryu, il ragazzo
delle caverne

Errori

Titoli episodi e commento

RYU, IL RAGAZZO DELLE CAVERNE
 

(Genshi shonen Ryu) [Toei 1971]

 

1) Il sacrificio mancato

2) Da soli non si vive

3) La prova delle pietre sacre

4) Lotta contro il mostro

5) Per cento pelli di capra

6) Guerra ai limiti del deserto

7) Sulle orme del mostro

8) Faida tribale

9) Lo stregone bugiardo

10) Gli uomini delle nevi

11) Rivalità

12) Amici

13) La trappola

14) Vendetta impossibile

15) Lotta nell'isola felice

16) L'uomo bestia

17) Vittime innocenti

18) La carica degli elefanti

19) Nella tana dei lupi

20) L'uomo della foresta

21) Bianchi alla riscossa

22) Verso una nuova vita

LA SERIE:

Trama:

La storia si svolge in una non ben definita preistoria. Ryu è un giovane uomo costretto, suo malgrado, a combattere per la sua vita. Oltre alle avversità della natura ed agli attacchi dei temibili dinosauri, il ragazzo viene infatti cacciato anche dagli umani che lo considerano portatore di sventura a causa della sua pelle bianca.
Proprio per questo motivo, da bambino era stato offerto in
sacrificio a Tirano, un tirannosaurus-rex temuto e venerato da tutti come un dio.
Salvato da una scimmia e accudito come se fosse un suo cucciolo, Ryu trascorre anni di spensieratezza fino a quando viene privato della sua seconda madre uccisa proprio da Tirano.
Ritrovatosi solo in un mondo così ostile, il ragazzo farà
amicizia con altri umani: una giovane ragazza, un
bambino ed un possente guerriero, che non avranno pregiudizi nei suoi confronti e insieme lo aiuteranno a combattere Tirano ed a seguire le orme della sua vera madre.



Ragioni che ci hanno spinto a rivederla:

-Il fascino della preistoria (praticamente l'unico anime serio su questo tema)

-L'angosciante caccia di Tirano e la sete di vendetta di Kiba

-Le belle e poetiche sigle

-Nessuno di noi si ricordava come finisse




Regge le aspettative?

L’anime è tratto dal manga di Shotaro Ishinomori (dal quale si discosta piuttosto velocemente) e il character design è curato dal compianto Shingo Araki (Lady Oscar, I cavalieri dello zodiaco, Danguard...)
Una realizzazione molto valida, con fondali spesso
pittorici, ed animazioni che, la maggior parte delle volte,
rendono giustizia all'opera.
Musiche incalzanti e ricche di pathos fanno da giusto
sottofondo all'azione, alternando ritmi molto tribali a
musiche melodiche per le scene più rilassate.

Molti di voi si ricorderanno Tirano come un mostruoso
dinosauro deciso a tutto pur di divorare Ryu...
ebbene non è cosi.
Il giovane, infatti, 8 volte su 10 che incontra un umano, finisce legato e pronto per essere ucciso, sacrificato o costretto a lottare contro qualche fiera sanguinaria.
E sempre, sempre, e sottolineo sempre, arriva Tirano che
distrugge la prigione e divora il resto del villaggio
ostile!!
Addirittura in un episodio Ryu si trova di fronte ad un
dirupo invalicabile... ed ecco che arriva Tirano a fargli da
ponte con la coda!!
Se non si fossero creati fraintendimenti, la serie avrebbe potuto benissimo sottotitolarsi "il mio amico Tirano"

La storia ha una continuity pressoché totale e, all'inizio,
segue le vicende narrate nell’omonimo manga. Purtroppo
presto se ne discosta e verso la fine viene inserito il
disgustoso personaggio Prendidon, che ad ogni inquadratura diventa sempre più insopportabile.

Ma andiamo ad analizzare il simpatico party: il bambino
rompe le scatole, fa il geloso ma non più di tanto, il
guerriero ovviamente si rivela indispensabile in molte
occasioni, Ryu attira la sfiga sul gruppo come una calamita,
Tirano è il vero e proprio jolly, pronto a divorare un
intero villaggio per salvare il suo 'amico'. L'unica nota
dolente è Ran, la bella ragazza, che riesce a inciampare
sul nulla 3 volte ogni 2 passi rallentando non poco il
gruppo.
Purtoppo, spesso inciampa quando sono in pericolo e non c'è tempo per rialzarla; quindi Ryu, tenendola per mano, continua a correre trascinandola sul suolo, piallandole tette e sedere a seconda di com'è caduta!
Altra scena buffa si verifica quando i nostri sfuggono ai
nemici.
In pratica si vedono inquadrati testa e torace, con solo le
spalle che ondeggiano e lo sfondo che scorre velocissimo
dietro loro, questo mix fa si che, invece di correre, sembra
che stiano andando in moto!! XD

Tirano, il vero co-protagonista della serie, soffre di un
difetto che nei Transformers giustificano col "mass
shifting", ma lui è un T-rex ed a volte assume
proporzioni fuori da ogni logica: in un attimo passa da 8, a
40 e passa metri, fino ad occupare tutta una valle!!
Roba da fare invidia a Godzilla!!

Altra nota divertente riguarda la carnagione degli
stregoni/sciamani che aizzano la gente contro Ryu per il
colore della sua pelle. Spesso gli sciamani hanno un colore tra il viola e il grigio, io accopperei prima loro, altro che pelle bianca...
E sempre sulla pelle, capita a volte che in scene di gruppo
ci siano uomini che vestono pelli che spesso sono colorate
della stessa carnagione di chi gli sta a fianco. Cos'è, ne
han scuoiato i parenti per farsi gli abiti??

Ultima chicca sul fuoco: spesso si vedono fuochi ormai
estinti che con solo un ramoscello diventano incendi e
bruciano per tutta la notte. Viene da chiedersi se sotto non
ci sia uno sfogo di gas naturale…

Comunque, ironia a parte, la serie risulta molto scorrevole e
non così appesantita dall'età. In alcuni frangenti scivola addirittura nel cruento e temi come razzismo, amore
materno, abbandono, amicizia, vendetta e incomprensione,
vengono ben sviluppati.
Provate a darle una chance e sono certo che non vi
deluderà. Certo, l'arrivo di Prendidon è un brutto
colpo… se proprio non riuscite a sopportarlo leggetevi il manga, in soli 3 volumi, edito in Italia da D-visual e scoprirete molto di più di quanto la serie narri.
E quando la terra trema sotto i passi di Tirano non
nascondetevi, sorridete e agitategli la mano
XD!!

Zanin