Cyborg, i nove supermagnifici

Errori

Titoli episodi e commento

CYBORG, I NOVE SUPERMAGNIFICI

(Cyborg 009) [Toei Animation 1979]

 

1) Il risveglio degli dei

2) Addormentato nel ghiaccio

3) Il gigante dell'arco di trionfo

4) La stella d'Africa

5) I giganti dell'Isola di Pasqua

6) Le lacrime della dea

7) La trappola

8) Il violino d'amore

9) Il villaggio dell'albero cosmico

10) Amicizia nel west

11) Il fantasma di Hitler

12) Il campione del mondo

13) Il complotto

14) Il ragazzo di Atlantide

15) Le liane giganti

16) Duello nel west-side

17) Tragedia nel secolo

18) Cuore di vampiro

19) L'isola divoratrice di uomini

20) Un amore impossibile

21) Il sonno del dinosauro

22) Ultimatum

23) Operazione V-2

24) Conferenza della pace

25) Bomba umana

26) Morte alla frontiera

27) Lunga vita alla principessa

28) Distruggete il regno dei cyborg

29) La corsa per la pace

30) Sulle orme del padre

31) Il fuoriclasse brasiliano

32) Crociera di lusso

33) Un ragazzo solo

34) La campana dell'amore suonerà domani

35) Un triste ricordo

36) Battaglia al casinò

37) Fuga dalla giungla

38) La rivolta degli animali

39) Un attore dilettante

40) L'ultima corsa

41) Tragico equivoco

42) Alla ricerca dei genitori

43) Il segreto dei tre fratelli

44) L'isola della morte

45) Il messia d'oriente (1a parte)

46) Il messia d'oriente (2a parte)

47) Il mistero dei quattro (1a parte)

48) Il mistero dei quattro (2a parte)

49) Progetto Shangri-La

50) La caduta dei fantasmi neri

 

 

 

 

 

 

 

LA SERIE:

Trama:

Joe Shimamura, giovane pilota giapponese di formula 1, viene rapito dai fantasmi neri, una misteriosa organizzazione volta al dominio del mondo. Al suo risveglio in un lettino da laboratorio, Joe scopre di essere stato trasformato in un cyborg e dotato di poteri eccezionali. Il ragazzo è solo l’ultimo di una serie di altri giovani diventati come lui delle macchine da combattimento. Il primo di loro è Ivan, un neonato con enormi poteri di telecinesi e rinominato con il codice di 001. Poi Jet, dotato dell’abilità di volare, con nome in codice 002, Françoise – 003, giovane ragazza francese con vista e udito fuori dal comune, Albert – 004, con diverse armi nascoste nel suo corpo, Geronimo – 005, gigante pellerossa dalla forza erculea, Chang – 006, capace di sputare getti di fuoco dalla bocca, Britannia (Great Britain) 007, in grado di assumere forma e sembianze di qualsiasi persona e animale e Puma 008, agile nelle missioni sottomarine. L’ultimo di loro è proprio Joe 009, forte, preciso e in grado di raggiungere supervelocità grazie al dispositivo di ‘accelerazione’ innestato nel suo corpo. Grazie all’aiuto del dottor Gilmore, uno degli scienziati coinvolti nel progetto cyborg, che decide di tradire la causa dei fantasmi neri, i giovani riescono a fuggire dal laboratorio. D’ora in avanti, il gruppo di cyborg lotterà con tutte le proprie forze per proteggere l’umanità dalla minaccia dei malvagi spettri neri.

 

Ricordi che ci hanno spinto a rivederlo:

-La fantastica sigla cantata dal grande Nico Fidenco (bellissima la scena dei guerrieri con spada e scudo che attaccano 009)

-Un classico tratto dal famosissimo manga del maestro Shotaro Ishinomori

-Avevamo visto pochi episodi e sporadici e nessuno si ricordava come finisse

 

Regge le aspettative?

Buone animazioni e buone musiche per questo classico del 1979. Il manga di Shotaro Ishinomori (che ricordiamo essere l’autore di opere famose quali Guyslugger e Ryu il ragazzo delle caverne, Chobin e Hela Supergirl) risale al 1964 ed è tutt’ora in corso di pubblicazione in Italia in un’ottima edizione composta da 27 volumi e edita dalla J-pop.

La trama risulta ben delineata. E’ da segnalare che in Italia non è mai arrivata la prima serie in bianco e nero del 1968 e che quindi questa ‘seconda serie’ non ha un vero e proprio inizio. Nel primo episodio vediamo una rapida carrellata dei protagonisti che vengono richiamati dal professor Gilmore in vista di una nuova minaccia. Nella prima parte della serie i cyborg se la vedranno con Odino, la divinità nordica e poi, nella seconda parte direttamente con i ‘nuovi spettri neri’, già nemici della precedente serie. Gli episodi sono quasi tutti scollegati l’uno dall’altro, tranne le ultime puntate. E’ da sottolineare il fatto che durante lo svolgimento della serie, viene narrato il passato di quasi tutti i personaggi, dando così spazio a tutti i nove cyborg (con un occhio di riguardo a Joe, ovviamente).

Corpo estraneo del gruppo ci è sembrato Puma 008, raramente utile se non in qualche operazione sottomarina e abbastanza in disparte in tutti gli altri casi… Al contrario, 007 Britannia (che, notiamo, riporta il nome in codice del famoso James Bond, anch’esso inglese…) risulta determinante in più di un’occasione.

E’ divertente vedere come il dottor Gilmore, ogni volta che ne ha la possibilità, se la tiri da grande scienziato finendo (quasi) sempre con lo sbagliare qualcosa. I suoi amici studiosi, degni evidentemente della sua amicizia, non gli sono da meno, sfornando “perle” di saggezza da fare invidia allo stesso dottor Steel di Fantaman.

Le nazioni del mondo vengono praticamente sempre storpiate nei nomi (anche se facilmente riconducibili a quelle reali) e le stesse mappe non riportano paesi corretti.

Durante la serie è presente la Legge di Judo Boy. Ogni cyborg, infatti, girando per il mondo, finisce sempre per incontrare gente che parla la sua lingua.

Altro aspetto divertente sono le lettere, i giornali e i fax che, come già visto in Sam o in Grand Prix, riportano spesso parole prive di significato e messe a caso senza alcun senso logico (a volte anche in giapponese).

Il doppiaggio della serie è ben curato e le voci scelte per ogni cyborg sono sempre ben azzeccate. Sono presenti nomi del calibro di Roberto del Giudice, Vittorio Di Prima, Massimo Rossi, Giorgio Locuratolo e molti altri. Nel 2001 la Yamato video ha presentato in vhs (e in seguito in dvd) l’oav della serie, intitolato: Cyborg 009 - La leggenda della super galassia. Dei doppiatori storici è stato richiamato solo Massimo Rossi nel ruolo di Joe che comunque, a distanza di oltre 20 anni dal doppiaggio storico, presenta una voce più adulta e più fonda rispetto a quella originaria.

Nel 2006 è anche uscita in patria una nuova serie intitolata Cyborg 009-1 che, a parte il titolo, non ha niente a che vedere con la serie regolare (i cyborg in questione sono tutte donne) e con il manga di Ishinomori.

In conclusione, Cyborg 009 è una buona serie che, pur avendo quasi tutti gli episodi slegati tra loro, riesce a creare interesse e a divertire. Assolutamente consigliata a tutti i nostalgici e a chi ancora non la conosceva.

Geruge